Progetto Open Farm: un’eccellenza per il Ben-Essere.

Scopiamo i valori alla base del progetto Open Farm, un’idea indirizzata al benessere del consumatore.

Dopo aver conosciuto l’erba medica e il suo processo produttivo, Desiree ci presenta il progetto Open Farm, di cui è fondatore l’imprenditore Luigi Forte.

Open Farm è una start up che si occupa del settore primario e che opera, in particolare, nel ambito della filiera agro-zootecnica. Il suo obiettivo è quello di comunicare e spingere il consumatore a riflettere sul valore del campo.

Il focus del progetto è identificabile con la domanda “Cosa mangiano i tuoi animali?”. Infatti da un paio di anni la start-up vuole far conoscere ciò che coltiva, offrendo informazione costante sulle proprie culture.

Lo scopo finale è proporre una visione il più trasparente possibile di ciò che l’animale ha mangiato, e di conseguenza di ciò che noi abbiamo nel piatto. Questo perché ogni passo della filiera è elementare per fornire un prodotto di qualità e con più sostanze nutritive, in modo che queste permangano anche nel latte, nella carne o nelle uova di cui ci cibiamo.

La proposta di Luigi è quindi quella di fidelizzare l’allevatore, il mangimificio, la GDO e, per effetto, arrivare alla consapevolezza di noi consumatori.

Kit di valori

Per il progetto Open Farm, Luigi ha realizzato un apposito kit che permette di usufruire di un percorso sensoriale del prodotto commercializzato. Un cofanetto fondamentale per riconoscere le virtù degli alimenti che l’animale ha mangiato. Colore, profumo e consistenza che solo un prodotto con le giuste sostanze (proteine, beta carotene…) può vantare.

Questo progetto è un’Eccellenza per il Ben-essere perché si interessa al consumatore finale.

Visita il sito di Open Farm per saperne di più

LUIGI FORTE 

Perito agrario e Imprenditore agricolo. É il fondatore della startup Open Farm (settore primario). Comunica il “valore” del cibo dalle origini, il campo.

A presto con i nuovi video di “Eccellenza per il Ben-Essere”.

Articolo precedente
Cicatrici da taglio cesareo: come trattarle in osteopatia.
Articolo successivo
Migliorare l’alimentazione animale: la scelta della coltura.
, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu

Questo sito utilizza i COOKIE.

Confermando l'accettazione dai il consenso all'utilizzo dei cookie in conformità con le nuove disposizioni del Regolamento UE 2016/679 (GDPR), il D.Lgs. n. 196/2003, il D.Lgs 101/2018, nonché qualsiasi altra normativa sulla protezione dei dati personali applicabile in Italia, ivi compresi i provvedimenti del Garante).

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra PRIVACY POLICY

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito Web è obbligatoriamente necessario l'utilizzo dei seguenti cookie tecnici
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi